Creare… e ricordare Password efficienti :: seconda parte

Completiamo la discussione sulla

Creazione di Password complesse, efficienti, facili da ricavare

Link prima parte

Ci sono diversi strumenti online (o su Smartphone) che ti permettono di generare password con vari gradi di complessità.

Strumenti online di creazione password

Symantec Corporation
logo Symantec Corporation

Il primo è uno strumento di casa Norton (famosa azienda che opera settore della sicurezza) che sul suo sito, permette grazie ad un pannello personalizzabile, di generare una password casuale da utilizzare poi sui nostri servizi.

Lo svantaggio di tale sistema è che dovremo stampare (o scrivere) tale codice segreto ed appuntarci a quale servizio è associato, con tutti i rischi che esso comporta.
Se proprio vuoi utilizzare tale strumento, ti consiglio di essere generico quando appunti le credenziali.
Ad es. non scrivere:
Banca MPS   –   User: info@tecnologiapassopasso.it   –   Password: abc125etc
Ma magari:
banca   –   User: email1   –   Password: abc125etc
È sempre un sistema vulnerabile, ma almeno rende le cose un po’ meno esplicite.
 
imaginweb-generapassword
logo Imaginweb-Generapassword

Un sistema un po’ più efficace ed allo stesso tempo semplice per generare e ricordare una Password lo troviamo al sito https://www.imaginweb.it/generapassword

Grazie ad uno script di cifratura Javascript ed un form HTML, permette di generare password alfanumeriche (con o senza caratteri speciali), alfabetiche o numeriche, della lunghezza che vogliamo.

Per creare il codice segreto, basta inserire una coppia di chiavi, scegliere che tipo di password si vuole ottenere, specificare la sua lunghezza e spostarsi nell’ultimo campo.
Il sistema automaticamente genererà un password mascherata, derivante dai parametri immessi in precedenza, che può essere mostrata tramite l’apposito link, oppure copiata “in background” con le normali funzioni Windows di selezione, copia e incolla, direttamente dove serve.

Nota: Il codice generato non viene né inviato né memorizzato da nessuna parte, e viene cancellato una volta chiusa la pagina.

La comodità di tale sistema è che potremo adottare una regola prefissata per generare una password, complessa e non riconducibile ad alcuna parola di senso compiuto, che all’occorrenza possa essere ricavata semplicemente riproponendo la regola anzidetta.
Ad esempio, potremo impostare come “chiave segreta” il nome del sito sul quale vorremo utilizzare la password, come “password” una parola semplice da ricordare (o la vecchia password) e proseguire immettendo i restanti parametri.
Per ricostruire il codice segreto, basterà dunque ricordarsi nome del sito e la vecchia password.

Nota: Per creare un codice segreto diverso ogni mese, puoi stabilire nelle regole di introdurre tra le chiavi la/le cifra/e del mese ed automaticamente verrà generata una password differente.

Clipperz
logo Clipperz

Una soluzione efficiente per memorizzare password online (ma con un tool interno, anche generarle) è offerta dal sito https://www.clipperz.is.
Il programma permette di creare un account online, dove potremo memorizzare in schede le credenziali di accesso ai nostri servizi.
In pratica avremo il nostro foglio di carta con tutte le username e password criptate, online e sempre disponibili.

Il sistema utilizza le più moderne tecniche di cifratura. Opera in SSL e grazie ad un algoritmo di criptazione, di cui si può esaminare il codice, effettua una preventiva codifica sul computer locale (quello personale) e dopo pubblica il risultato sui server protetti di Clipperz.
Questo per dare il massimo grado di protezione ai nostri dati.
Il sito offre anche altri servizi, come l’autenticazione automatica ai siti, oppure la generazione di “codici di autenticazione provvisori” da utilizzare, per esempio, quando si è su computer pubblici, o ancora il backup “protetto” di tutte le schede criptate.

Fino a qualche tempo fa il sistema era gratuito o con donazioni volontarie.
Solo per le nuove iscrizioni, attualmente gli autori consentono un periodo di prova di 45 giorni, dopo il quale chiedono un abbonamento annuale con pagamento tramite Bitcoin.

Non ho preso in considerazione l’installazione di programmi in locale, i quali seppur di buona qualità e con un alto grado di riservatezza, vincolerebbero l’utente all’utilizzo del proprio PC per ricavare le proprie password cosa poco comoda, soprattutto nel mondo globalizzato attuale.
Se pensi che l'articolo che possa essere d'aiuto a qualcuno condividi, grazie.

Giuseppe Guida

Ho da sempre la passione per Internet e le nuove tecnologie. Mi interesso particolarmente dell'ottimizzazione delle risorse informatiche, dell'open source, dei servizi web e cyber-sicurezza | Seguimi su Twitter @tecnopassopasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.