Cambio nome macchina di un PC Linux-dotato

Vi è mai capitato di installare una nuova distribuzione Linux, di lasciare il nome della macchina così come suggerito di default e magari successivamente – per esigenze tecniche – voler attribuire a quella macchina un nome più significativo?

Oppure di clonare una installazione Linux completa e funzionante ed adeguare il nome della macchina al servizio che essa svolge?

Cambiare il nome della macchina tramite terminale

Il nome della macchina – o hostname – è il nome che identifica un computer in una rete.

Per conoscere il nome della propria macchina è possibile digitare da terminale il comando:

  • hostname

ed il sistema restituirà tale identificativo (parte a destra della chiocciola):

Nome Host iniziale

 

E’ possibile verificare anche il nome della dell’host all’interno di un dominio – FQDN (acronimo di Fully Qualified Domain Name), aggiungendo il parametro –fqd:

  • hostname –fqd

Modifica del nome sulle versioni di Linux tipo Red-hat e simili

Per cambiare il nome alla macchina corrente, basta digitare il comando:

  • sudo hostname server-posta

dove “server-posta” è il nome che vorremmo assegnare alla macchina.

Solo al riavvio del sistema il nome sarà cambiato su tutti i file di configurazione e sarà attivo.

Modifica del nome sulle versioni di Linux “Debian-based”

Il nome dell’host è riportato nel file di configurazione /etc/hostname.
Per cambiarlo, basta scrivere all’interno del file unicamente il nome della macchina, sulla prima riga.

  • sudo vim /etc/hostname

e scriverci “server-posta” senza virgolette, ovviamente.
Chiudere e salvare il file.

Per applicare il cambiamento al sistema:

  • sudo hostname -F /etc/hostname

Infine modificare il file hosts che assegna l’indirizzo ip della macchina al nome del dominio.

NOTA: Il nome in precedenza impostato deve essere presente nel file hosts. Se così non fosse si avrebbero delle limitazione nell’utilizzo del comando sudo e nell’impossibilità di accedere alle funzioni amministrative.

Digitare quindi:

  • sudo vim /etc/hosts

e scrivere adeguando l’esempio:

Configurazione file hosts

Riavviare la macchina o disconnettere e ricollegare l’utente, per attivare il nuovo hostname.

Nome Host finale

Fine della procedura.

Ci sono anche tools grafici o Tweak che possono automatizzare le procedure in questione, ma ritengo che per la semplicità dei passaggi ed i pochi interventi da fare, sia superfluo rivolgersi a tali applicativi.

 

Se pensi che l'articolo che possa essere d'aiuto a qualcuno condividi, grazie.

Giuseppe Guida

Ho da sempre la passione per Internet e le nuove tecnologie. Mi interesso particolarmente dell'ottimizzazione delle risorse informatiche, dell'open source, dei servizi web e cyber-sicurezza | Seguimi su Twitter @tecnopassopasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.